Italy’s Big Day: the Gran Finale in Rome which nobody knows about

Walking around the biggest city in Sardinia, I stumbled across a group of people handing out flyers and maps of the city centre underneath a gazebo which had a massive sign ‘Information Point’. Nothing strange about it, if it wasn’t for the fact that a particular logo and name were etched on the flyers, t-shirts and flags that surround it. I soon find out it was a group of volunteers who had organised it, activists in ‘Popolo delle Liberta’ (translated literally ‘the people of liberty’), the political party led by Silvio Berlusconi which currently has a stronghold on both regional and national government.

No better occasion to ask some questions about the political situation in Italy and their opinions to those who would bare the heat in order to support him.

As not many of them spoke English I spoke to a young guy who was fluent and patiently explained and answered all my questions on Sardinia, Italy and the political situation which I pretended  not to understand properly. Whilst I was asking questions others of the group, including the leader of the ‘PDL Youth section for Cagliari’, were wary about the fact I could have been a journalist who could damage their image (see the Youtube video to watch reactions to an interview previously recorded on the same morning by a local newsblog). When I asked them if I could take a picture with them, upload it on my blog and in a newspaper article on Manchester’s student newspaper, however,  they sounded more than happy.

Infopoind PDL in Cagliari

PDL run ‘tourist Information Point’ in Piazza Costitzione, Cagliari (25/07/2013)

 

When I asked about their affiliation with Mr Berlusconi they  universally defended him as if he was ‘victim of a plot’. Today (30th of July) Italy’s highest court will pronounce the final verdict on the former prime-minister who recently declared ‘he had faith in the Italian juridical system’ and that if guilty he would go to jail, something which astounded many who were accustomed to hearing him attack the ‘communist judges’ (toghe rosse) and the conspiracy against him.

‘It has all been decided’ says one of his young supporters, ‘we know they have had it in for him for years now and they are going to continue condemning him’. Most people in Italy would agree with his supporters as on the one hand,  there are those  who believe it has been fixed for  Berlusconi to get charged and on the other, those who believe Mr Berlusconi’s revolutionary vow  of trust  in ‘the juridical system’ is a clear sign of the game being fixed by bigger centres of power.

When I asked if they believed in the need for a younger and more innovative leader, mixed feelings were expressed. ‘Some people would say that’, confessed one, ‘although currently there is nobody with the same amount of charisma and capability as him’. ‘He is very powerful’ another one said ‘he knows Bush, Putin and many other world leaders’.  A rather peculiar choice to sustain the ‘Presidente’ (title with which all media and most Italians on either side of the political spectrum still address him today) as he has only recently been under fire for some of the deals he did with Gheddafi and in more recent scandal surrounding the arrest of two political asylum seekers who were handed over  to the Kazakh president/dictator.

Berlusconi - Italian Newspaper

Corriere della Sera. Page which talks about Berlusconi’s upcoming promotional film (bellow). The top half reports comments on the ‘Alfano situation’ connected to the Kazakh dictator scandal and the way he needed support for his trials

By quoting one of the most obsessive slogans of his supporters ‘People are just jealous of Berlusconi because of his success and the fact that aged 76 he can still have a great sex life with hot girls, wouldn’t you like to be like that when you’re old?’. This brought the topic to my all-time favourite ‘sex, orgies and prostitutes’ and things became even more interesting. Mixed thoughts on the right to have orgies or not was the first hurdle. The lady who had been listening to my conversation (and occasionally suggesting a good come back to my questions) was startled when I defended Berlusconi’s right to have orgies in his house immediately clarifying that there were ‘parties not orgies’. The younger guys were more critical towards the Catholic moral stronghold on the country, and agreed that if he wanted to, nobody should stop him from doing what he wanted in his private life (as one can imagine the ins and outs of the circumstances in which he held the parties were not explored as I feared they would refuse to keep going with the interview). When it came to talking about prostitutes however the lady refused categorically to accept it. ‘Berlusconi did not have prostitutes; they were just having parties’. This is one of the key points in the whole Berlusconi dream. According to his supporters Berlusconi is an experienced 74 year old man, great politician and also a party-goer that would never need to pay for sex as his charisma did it all. The eye-watering story of a young boy who used to sing songs on cruise ships and who thanks to his ability became one of the most powerful men on earth is a great story to tell which enforces his image as a ‘hard worker’. The fact that he jokes and has an active sex life makes him, sadly, even more of a hero.

Speaking to his supporters makes one realise the importance of Silvio Berlusoni within his political party which, for the sake of unity, vow loyalty to the leader although often sharing completely political and moral standpoints. On the other side, the Democratic Party also has the same problem and if it wasn’t for their adversity to Berlusconi they too would be divided. Now with the current coalition government things have changed radically and there is a stronger Catholic current within the parliament which together with the massive media bombardment carried out by the Vatican who, as my Nonna would put it, “carries his own briefcase going on the plane” leads me to believe in the possible re-formation of Democrazia Cristiana, one of the longer lasting ruling parties in Italy which dissolved in 1992 when its connections with free-masons and Mafia were uncovered.

Today is an important day for the history of Italy’s second Republic and whether it’s the effect of the heat wave taking its toll on the 76 year-old, or a rational bet based on bigger centres of power that stretch far beyond the Italian borders, Berlusconi has decided to play all his chips Vegas style whilst he awaits for an answer from the Cassazione on the ‘Mediaset trial’.

Not many people are talking about this in the Italian press, yet anything could happen today. No doubt it will be interesting to see once the men in black have made their decisions both in Rome and Sicily and consequentially in the high-court.

Interview done by local news-blog ‘Cagliari Pad’ a few hours before I reached the stand.

 

Advertisements

Linea 19 – Esempio di Spirito Collaborativo in Sardegna

La linea 19 del CTM opera il percorso che collega Assemini a Quartu passando per molti comuni dell’area vasta Cagliaritana (Quartucciu, Selargius, Monserrato, Cagliari-Pirri, Elmas e Assemini).

linea19

Percorso attuale della Linea 19

Il bus passa lungo la SS130 ma non passa all’aeroporto. Come mai? Sicuramente un collegamento frequente e diretto  tra Aeroporto e 7 comuni dell’area vasta sarebbe utilissimo!?

Chiaro, ma chi decide percorsi, kilometraggi e rotte per tutte le linee di trasporto pubblico in Sardegna e’ l’assessorato regionale ai trasporti. Guarda a caso la competenza esclusiva di operare collegamenti da e per gli aeroporti e’ dell’ARST.

Da notare: le 2 aziende di trasporto pubblico sono Spa entrambe hanno 100% del loro capitale in mano a enti pubblici.

ARST Spa (Azienda Regionale Sardegna Trasporti)

ARST

Dal sito ufficiale di ARST Spa, “un’azienda ad azioni con un unico azionista, una della piu’ grandi in Italia.. Tra gli obbiettivi dell’azienda un servizio migliore a partire da pendolari e studenti”.

CTM Cagliari Spa (Consorzio di Trasporto pubblico Metropolitano)

Grafico con gli azionisti del Consorzio Trasporti Metropolitani di Cagliari.

Grafico con gli azionisti del Consorzio Trasporti Metropolitani di Cagliari (preso da http://www.ctmcagliari.it).

Allora cosa puo essere fatto?

Si potrebbe chiedere all’assessore regionale ai trasporti (Ugo Cappellacci, che ha preso l’incarico dopo le dimissioni di Solinas) di dare il permesso a CTM Spa di poter operare collegamenti da e per l’Aeroporto Mario Mameli di Elmas  (vedi dopo ‘Lettera con CTM’). Da parte di CTM la disponibilita’ ci sarebbe, il problema rimane legato all’impossibilita’ di operare questa rotta per via del decreto regionale.

A Giugno hanno innaugurato la stazione ferroviaria ‘Elmas Aeroporto’ che collega Cagliari all’aerostazione in 5 minuti al costo di €1.25 e con una frequenza media tra i 15-25 minuti.

Quando arrivai all’aeroporto nessuno sapeva dell’esistenza di una stazione ferroviaria (neanche alcune persone che ci lavoravano) e la segnaletica per la stazione era inesistente.

Come mai? Non saprei, ma potrei fare 2 semplici osservazioni:

  • I treni  sono gestiti da Ferrovie dello Stato
  • La Navetta invece e’ gestita dall’ARST (= Regione Sardegna).

Ovviamente conviene prendere il treno al posto della corriera:

  • Costo: €1.25 al posto di €4.00
  • Frequenza: mediamente 15-25 minuti al posto di 30
  • Tempo di percorrenza: 5 minuti al posto di 10
  • Numero di Collegamenti diretti in Sardegna: MOLTI al posto di 1 solo.

Forse si sta ancora seguendo il decreto di Carlo V “locos pocos mal unidos” in quanto l’ARST e la Regione continuano a farsi concorrenza e metteno bastoni tra le ruote perche’ si rifiutano di adattarsi al cambiamento del mondo che gli sta attorno.

 

Un Invito all’ARST, assessore regionale ai trasporti e chiunque altro fosse di competenza:

  1. Date il permesso a CTM di offrire un collegamento urbano con la Linea 19.
  2. Abbolite la tratta Cagliari – Aeroporto
  3. Create nuovi collegamenti diretti dall’aeroporto a posti irragiungibili da treni F.S. e bus CTM.

Alcuni dei servizi in partenza da piazza Matteotti anzichè farsi il traffico passando per Cagliari, viale Marconi e Quartu potrebbero fare la SS130, fermarsi in aeroporto e proseguire il loro viaggio. Degli esempi?

Un invito all’ARST, all’assessore regionale ai trasporti e a chiunque altro possa intervenire:

1.    Permettete che la CTM offra un collegamento urbano con la Linea 19.

2.    Abolite la tratta Cagliari – Aeroporto

3.    Create nuovi collegamenti diretti dall’aeroporto a posti “irragiungibili” da treni F.S. e bus CTM.

Mi permetto di suggerire alcune idee:

  • Capoterra, Pula, Santa Margherita
  • Sant’Antiaco/Carloforte
  • Sestu/Dorgali > dove c’e’ la stazione delle ferrovie complementari in cui passano i treni per Mandas e Isili (centro Sardegna).
  • Villassimius/Costa Rey/Muravera (passando per la SS554 e la strada nuova secondo me ci mettereste meno tempo rispetto al percorso normale).
  • Tortoli’/Lanusei
  • Arbus e Costa Verde

 

Link Utili:

“Gentile Alex,…” Risposta del CTM su Bus Notturni e Linea 19

Quote

Gentile Alex,

A seguito della nostra lunga conversazione telefonica, ti volevo ringraziare per il tuo interessamento al trasporto pubblico e per i tuoi suggerimenti, ma ti dobbiamo purtroppo informare che, considerati i tagli che hanno interessato il trasporto pubblico locale e i vincoli imposti dal Contratto di Servizio con la Regione Autonoma della Sardegna alla nostra Azienda, al momento non siamo in grado di soddisfare le tue richieste.

Siamo sempre a disposizione per confrontarci sulla linea 19, che non arriva all’aeroporto perché, come ben sai, la linea da e per l’aeroporto è data in concessione all’Arst.

La nostra Azienda auspica di poter offrire un servizio migliore sul litorale quartese, con orari prolungati, anche notturni. Ma i costi sono alti ed i fondi, al momento, non sussistono.
CTM è sempre a disposizione di tutti i cittadini, nell’ottica della trasparenza che ci contraddistingue.

Cordialmente

Relazioni Esterne CTM

Email di risposta mandata dall’Ufficio di Relazioni Esterne del CTM Spa a seguito di una mia precedente corrispondenza seguita da una lunga telefonata in cui ho esposto nuovamente alcune idee sul trasporto pubblico notturno e sulla possibilita’ di far passare la ‘Linea 19‘ all’Aeroporto di Elmas.

La Sfida: Bus Notturni per Cagliari e Area Vasta

Introduzione:

Queste sono le mie proposte su un sistema di trasporto pubblico notturno da operare in Estate e nei prefestivi tutto l’anno. Invito chiunque fosse interessato a farsene portavoce (politico, commerciante, albergatore, cittadino, turista…) io ho provato a fare da portavoce in una lunga serie di chiamate, lettere, incontri, convegni nel corso di 6 anni. Ora studio in Inghilterra e in base a quel che vedo vivendo fuori e viaggiando con amici riesco a capire la frustrazione di un turista che quando viene a Cagliari si trova costretto a scegliere se tornare a casa alle 22:52 o il mattino dopo alle 05:22

Premessa:

  • Non sono nessuno
  • Non ho nessuna qualifica per parlare (tranne un diploma di Liceo Scientifico e il brevetto da bagnino)
  • Ho 21 anni di eta’
  • Le mie idee sono piene di problemi e infattibilita’ e sicuramente vanno migliorate da esperti competenti
  • Chiamatemi stupido e testardo ma rifiuto di credere nel fatto che “guarda che siamo in Sardegna, siamo indietro e qui le cose non si fanno”.

Vantaggi:

  • PIU’ Turisti scoprirebbero Cagliari
  • PIU’ Persone uscirebbero sino a tardi pur non avendo un’auto a disposizione
  • PIU’ Sicurezza sulle strade
  • PIU’ Commercio
  • PIU’ Ore Stipendiate (per autisti e addetti alla sicurezza a bordo dei mezzi)
  • PIU’ Servizi per tutti
  • PIU’ Movida
  • PIU’ Lavoro (piú flusso in locali e negozi che avrebbero bisogno di un maggior numero di personale)
  • MENO Traffico
  • MENO Incidenti
  • MENO chiamate al 118
  • MENO lamentele da parte dei turisti

Svantaggi:

  • MENO Soldi ad Agip e IP
  • MENO Lavoro per le Agenzie Funebri
  • MENO Soldi per la Polizia Municipale, e ne consegue che il comune di Quartu rischierebbe la bancarotta (*).

Percorsi Proposti:

Corto Raggio (Comune di Cagliari e del circondario):

Linea 1N: Cagliari centro – Pirri – Monserrato – Selargius – Quartucciu – Quartu

Linea 2N: Cagliari centro – Poetto – Quartu – Litoranea – Geremeas (Bivio Nuova SS125)

Lungo Raggio (Diretto località turistiche):

Linea 3N: Cagliari – Capoterra – Poggio dei Pini – SS195 – Pula – Santa Margherita

Linea 4N: Cagliari – SS125 – Villassimius – Costa Rey – Capo Ferrato – Colostrai – Muavera – S. Vito

Mostra il tuo sostegno al progetto e segui tutti gli aggiornamenti sui Social Media o lascia un commento/suggerimento:

Facebook

(*) Ambo evitare querele tengo a precisare che stavo scherzando sul comune di Quartu andando in bancarotta.

Lettera al CTM da parte di un ragazzino di 17 anni

Quote

Gentilissima CTM,
Oggi a Cagliari, come ogni giovedì, c’era la sera delle “Notti Colorate” dove i negozi rimangono aperti sono a tarda ora e ciò, inevitabilmente, comporta un afflusso maggiore di turisti da Quartu e dal litorale a Cagliari. Naturalmente il numero di passeggeri che usano i vostri mezzi in tale occasione aumentano, ma avete pensato di mantenere il servizio regolare e di non inserire pullman notturni che colleghino Quartu e Cagliari e Flumini, o tantomeno qualche PF/PQ in più.
Dunque alle 22.40 ero in piazza Matteotti ed entro sul PF, già stracolmo oltre ogni limite di sicurezza e buon senso. Alle 22.52, con qualche altro passeggero a bordo, il PF parte, lasciando in via Roma e a Cagliari sia turisti che altri ragazzini come me che, in assenza di alternative, prendono l’ultimo PF. Se io avessi deciso di prendere il PF da via Roma al posto che dal Capolinea sarei dovuto arrivare a casa a piedi forse?
Ed ecco qui, la dimostrazione di come noi Sardi ci opponiamo al turismo e ci lamentiamo di crisi quando dei pullman notturni, d’estate, risulterebbero essere sostanzialmente lucrosi oltre che convenienti. Eppure no, la CTM rimane ferma nella sua posizione e non si muove per favorire il turismo.
Ora mentre tirerete fuori qualche scusa da quattro soldi con uno pseudo motivo per il quale non avete ancora fatto nulla nemmeno il sabato o in occasioni di notti colorate, riflettete su quale immagine diamo della Sardegna ai turisti, sia quelli su quel PF stracolmo, sia a quelli lasciati in via Roma.
Meditate!

Lettera mandata a CTM Spa da un ragazzino di 17 anni che vive sul litorale Quartese.

La Crociata per il Trasporto Pubblico

Fu un pomeriggio del 2008 quando approciai l’allora sindaco di Quartu Gigi Ruggeri in piazza IV Novembre (i miei compagni di classe mi guradarono sbalorditi) e gli esposi l’esigenza di noi 15enni di avere dei bus di notte.

Tornando indietro: l’anno prima feci l’esame per il patentino per la guida di ciclomotori (passai al primo colpo) ma i miei genitori non vollero acquistarmi un motorino. Motivo? Non era abbastanza sicuro e la S.P. 17 (che avrei dovuto percorrere) era molto pericolosa, soprattutto di notte.

Mi arrabbiavo tantissimo con loro perché ero convinto fossero ‘esagerati’. Se volevo uscire in bicicletta e tornavo di notte, volevano che usassi le luci, indossassi un giubbino fosforescente e possibilmente anche un casco. Pazzi?!

Solo adesso mi accorgo che quelle precauzioni forse mi hanno salvato la vita (pensate alla ragazza di Gorgonzola, travolta tornando in bici in una strada senza illuminazione). Poi la S.P. 17 é famosa per le croci che continuano ad aumentare esponenzialmente rendendola sempre piu’ simile al tratto Roma-Pompei della via Appia nel 71 a.c..

gorgonzola

Nella primavera del 2010 l’incidente stradale che costò la vita al mio compagno di scuola Leonardo Secci mi fece capire ancora di più quanto sia facile perdere la vita.

Nell’anno scolastico 2010-2011 fui eletto rappresentante d’istituto e alla consulta provinciale degli studenti. La mia priorità per il mio ultimo anno di scuola é stato il realizzare un progetto di sicurezza stradale che potesse sensibilizzare tutti; ragazzi e adulti, automobilisti e pedoni, comuni mortali e politici, perché solo uno sforzo collettivo avrebbe potuto cambiare le cose.

Assemblea d'Istituto al Liceo Scientifico Brotzu. Quartu S. Elena, Novembre 2010

Assemblea d’Istituto al Liceo Scientifico Brotzu (Quartu S. Elena, Novembre 2010).

Vivo Sicuro‘ per me era molto più che un progetto di sicurezza stradale come tanti altri. Era una sfida per creare un movimento di sensibilizzazione ideato e condotto da ragazzini per ricordare un compagno e tutte le vittime della strada per cambiare il nostro futuro. I ricordi delle persone ‘lasciate per strada’ deve darci forza per combattere il mare di avversità burocratiche e culturali che nei palazzi degli enti e dietro i volanti delle vetture determinano il futuro dei cittadini.

 albero
L’albero piantato in ricordo di Leonardo Secci e di tutte le vittime della Strada.
12 Aprile 2011, ‘1a Giornata della Sicurezza Stradale’ (Liceo Brotzu, Quartu S. E.)

Ora é da un paio di anni che non vivo più in Sardegna ma quando torno in vacanza mi vien rabbia. Poco cambia, la gente vuole un miglioramento ma si arrendono davanti ‘all’impossibile’.

“L’Italia vive di Fiat, ENI e polizze assicurative; quindi arrenditi che l’interesse nell’investire in questo settore non c’e’ ne ne da parte dei politici e tanto meno da parte delle persone”.

Quando la gente mi chiede come mai mi stia dedicando così tanto a cose che poco mi riguardano la mia risposta é sempre la stessa: ‘perché ci credo’.

Far della strada un luogo sicuro partend i servizi di trasporto pubblico per ridurre il numero di veicoli in giro e le possibilita’ di avere incidenti.

Il 12 Aprile 2011 insieme a gli altri rappresentanti abbiamo lanciato la prima ‘giornata della sicurezza stradale’ e il concorso a premi. Arriva la stampa locale, fanno interviste e la gente parla della nostra iniziativa, per un giorno la Sardegna si interessa al problema.

12 Aprile 2011, '1a Giornata della Sicurezza Stradale'  (Liceo Brotzu, Quartu S. E.)

12 Aprile 2011, ‘1a Giornata della Sicurezza Stradale’ (Liceo Brotzu, Quartu S. E.).

Durante questa iniziativa incontro tanti VIP a livello locale tra politici, funzionari, presidenti di associazioni e studenti rappresentanti di altri istituti.

Durante le assemblee d’istituto nel corso dell’anno abbiamo discusso di problemi legati al trasporto pubblico e redatto una proposta che abbiamo fatto circolare e per la quale io e gli altri rappresentanti ci siamo impegnati a raccogliere centinaia di firme (tutte autenticate).

Anche l’anno scorso presentai una serie d’idee al sindaco di Quartu Mauro Contini il quale non mi aveva neanche riconosciuto (ecco cosa succede quando vivi un anno a Manchester) . Lasciai la copia di un ‘Progetto per Quartu’ che si basava molto sulla proposta dell’anno prima con alcune modifica e mi venne dato modo e tempo di spiegare a voce i punti principali. Lui sembrava molto entusiasto ma l’amministrazione era molto impegnata in quel periodo per la costruzione dello stadio che doveva essere pronto entro inzio stagione il quale ‘avrebbe avuto una serie di collegamenti di trasporti e servizi per ricreare lo stadio Inglese dove possono andare anche le famiglie senza portare l’auto’.

Quest’anno parlando con commercianti, albergatori, turisti, studenti e conoscendo l’opinione di molte persone residenti, ho pensato ad una serie di proposte ‘a tutto tondo’ che possano aiutare tutti a viaggiare piu’ serenamente. Vi invito a leggerle e commentarle, non essendo un esperto ci saranno diversi errori ma il senso e’ di far vedere come potrebbero essere i servizi e i vantaggi che porterebbero.

Link Utili:

Sito Ufficiale di Vivo Sicuro

Pagina Facebook: ‘Vogliamo Bus Notturni per Cagliari e Area Vasta’

Studying Italian Constitutional Law

Quote

Following a module in Italian constitutional law is probably the most annoying, pointless and frustrating thing one could do. It’s almost as counterproductive as calling your sibling a ‘son of a bitch’.

A. M.

The Italian Republic has an old yet AMAZING constitution yet it is not applied and most likely never will be. Why? Money, Power, greed, EU and US influences, Cardinals, Mafia, bigots and the list goes on.. A bit like the ‘no sex’ rule for Roman Catholic priests..

Sociological Approach to Assigning ‘The Best Room’

During my second year at university I chose to live in a house with other 5 people I had met in halls the year before. When it came to choosing rooms we all agreed that we did not want to be the standard arguing bunch of second years but wanted to agree peacefully on how to assign rooms. What we did was use a ‘preference system’ which appeared to work at first (as the most easy going where complacent to it) but when it came to dishing out ‘best’ and ‘worst’ rooms problems started to arise.

3 rooms on the first floor were left and 3 housemates (including myself) still needed to choose. Based on preference and agreements I was the only one who had to still decide what room to get with my other housemate, who for the purpose of this article I am going to call ‘Nick’.

My housemate, who insisted on picking up the keys and moving in on his own, had to still choose which of the 2 bedrooms, on first floor at the back of the house to choose for himself and the other one remaining would have been for me.

When he got there he said ‘they were the same’ and sent me a picture of his black Labrador sitting by a pile of boxes with the caption ‘Bella chose my room and anyway they are the same’.

As a result Nick got the biggest room in the house with built-in wardrobe, view of the garden and warm.

I got the room next to his. Same thing no doubt? Well, beyond the difference in storage space there were several cracks on the wall, stains, a £5 desk and mold. As it was facing outside (and not the inside of the house) it was also considerably colder and if things could not possibly get any worse it had levels of dampness which can only be compared to the ones in the ‘Stingray Tank’ room at the London Aquarium.

So, as he used the ‘Bella system’ last year, I thought it would be only fair to use my dogs this time! Unfortunately I don’t have dogs but I was very fond of my aunt’s dog ‘Lucy’ (black and white collie in the picture up top) who passed away almost 5 years ago now. As she was a good bitch she undoubtably will be in ‘doggy heaven’ and although cannot physically assign the rooms I’m sure she would be happy to guide us in spirit.

So, as I’m a sociological nerd, I decided to come up with an objective method to skim down the candidates for certain rooms based on their physical and psychological needs.

Feel free to download the PDF and use it in your household. One can either get their housemates to answer the questionnaire and judge eligibility based on the answers or follow the ‘point system’ which assigns a certain number of points for each answer and then people get classified into a priority list based on the points they earned.

Let me know if it works!

Student Traditions

The concept of ‘Student Tradition’ is something that if one asked me a year ago I would never have imagined it being of such importance let alone a possible topic to write one’s dissertation on!

What are these traditions?

They are a series of rituals, costumes and ‘ways of being’ that have distinguished the student population from the ‘normal people’.

In some old universities you can still feel this atmosphere but it is not easy to get into these closed communities and if you are not a student you can see only the outside of it.

J.K. Rowling in Harry Potter captivated the world with beautiful the castle and student traditions songs and rivalries that pick up a lot of authentic traditions in the university world.

My mission is to try to uncover the past of these traditions and comparing the differences between the various universities and the different countries.

Did you have student traditions in your university? What were they like? What did you enjoy most?

20130720-070338.jpg